Arpat - Associazione Regionale Produttori Apistici Toscani

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
prossimi_eventi_es

 

18-19-20 settembre  40° edizione concorso 3 Gocce d'oro a Castel san Pietro Terme

Se le disposizioni Anti Covid-19 rimarranno invariate, da martedì 1 settembre riapriremo il nostro ufficio al pubblico, sarà obbligatorio contattarci preventivamente o fissare un appuntamento.

 

E' iniziata la stagione degli sciami, tanti gli interventi di recupero degli apicoltori

sciami2020L'innalzamento delle minime e l'afflusso di nettare non intenso ma costante ha favorito il fenomeno della sciamatura.
Siamo ancora ben lontani dalle decine e decine di segnalazioni di sciami pervenuti in associazione nel 2019, ma il fenomeno iniziato da inizio aprile, è in netta crescita e tutto fa pensare ad una febbre sciamatoria partita in ritardo ma destinata a incrementare nel perdiodo tra fine maggio inizio giugno. 

Ultimo aggiornamento Domenica 17 Maggio 2020 13:30 Leggi tutto...
 

Atto vandalico su 32 alveari nel pistoiese

ribaltamento20201Purtroppo dobbiamo riportare l'ennessimo atto vandalico contro api e apicoltori in provincia di Pistoia. 

Un apicoltore nostro socio il 6 maggio ha rinvenuto 32 alveari ribaltati pronti per l'immente produzione di acacia. Oltre al danneggiamento delle colonie vi è quindi un ingente danno produttivo in quanto le famiglie colpite, anche nel caso non siano irrimediabilmente compromesse, difficilmente arriveranno a produrre miele nel breve periodo. 

Leggi tutto...
 

Acacia in toscana, falsa partenza

acacia2020Il freddo del 2 aprile ha danneggiato l'acacia di pianura con il risultato che al momento le piante appaiono senza fiori e con solo le foglie. Ironia della sorte perché non piove e le condizioni meteo, ad eccezione di vento e freddo notturno, sono favorevoli per la bottinatura.

Ultimo aggiornamento Giovedì 07 Maggio 2020 08:45 Leggi tutto...
 

I furti non si fermano ma finalmente una buona notizia

31530723 10156281631369556 7741072071593033728 nPurtroppo neanche le attuali restrizioni agli spostamenti, dettate dall'esigenza di ostacolare la diffusione del Coronavirus, hanno limitato i furti e gli atti vandalici nei confronti degli alveari.

In provincia di Firenze un apicoltore ha rinvenuto alcune arnie del proprio apiario ribaltate. Le famiglie erano all'interno di un recinto, ma i malintenzionati non si sono fatti scrupoli e pare abbiano utilizzato un palo per raggiungere gli alveari dall'esterno della recinzione.

Leggi tutto...
 

Molta varroa a primavera, perché è successo, che fare?

dsc 0637Ci arrivano segnalazioni da molti soci che visitando le api, hanno individuato presenza di varroa sulle api, virosi e segni di spopolamento riconducibili al parassita. Nonostante l'emergenza che stiamo vivendo cerchiamo di non abbassare la guardia sulla varroa e comprendere perché si è verificato ciò e che misure possiamo fare in merito.

Perché c'è tanta varroa?

Ultimo aggiornamento Martedì 31 Marzo 2020 08:03 Leggi tutto...
 

Acacia in partenza, o forse no?

20202304Mancava la pioggia e finalmente non si è fatta attendere il 21 e il 22 aprile e pare si entri in una fase di tempo più incerto dove sono previste nuove perturbazioni dal 28 aprile.

Ciò fa incrociare le dita degli apicoltori in vista della fioritura della robinia ma è certo che l'apporto idrico è al momento insufficiente per tutto il comparto agricolo.

Le ultime precipitazioni, anche se modeste, sono bastate a far sbocciare le fioriture ed avere finalmente un po' di

Ultimo aggiornamento Domenica 26 Aprile 2020 14:32 Leggi tutto...
 

Apicoltura e Covid-19: qualche piccolo suggerimento per limitare gli spostamenti in apiario

apicoltura e covid-19Per limitare la diffusione del Coronavirus sono state prese delle misure drastiche ma quanto mai necessarie; gli spostamenti e le uscite di casa oggi sono possibili solo per comprovate esigenze lavorative, comprovate urgenze, situazioni di indifferibile necessità o per motivi di salute.
L'apicoltura rientra tra le attività produttive necessarie e pertanto sono permesse le uscite per la gestione degli apiari e per le necessarie operazioni aziendali. Per tutti, senza distinzioni fra chi produce per autoconsumo e chi per commercio, vige l’imperativo di STARE A CASA quindi, sempre con l’autocertificazione e il documento della BDA, dobbiamo recarci in apiario solo per motivate, reali e necessarie esigenze connesse con l’attività. 
Alla luce di ciò è opportuno valutare prima di ogni uscita l’effettiva inderogabilità delle operazioni che si ha intenzione di intraprendere.
Ultimo aggiornamento Domenica 26 Aprile 2020 14:27 Leggi tutto...
 

⚠️Emergenza COVID-19: apicoltori e uscite in apiario ⚠️

aggiornato al 26 marzo 2020

allarmeCon la pubblicazione dell’ultimo DCPM vengono ulteriormente limitate le attività che possono essere svolte in questo momento di grave emergenza per il paese.

Molte attività produttive ed industriali sono sospese e restano consentite le attività comunque funzionali a fronteggiare l’emergenza, quelle relative ai servizi essenziali e tutte le attività produttive elencate nell’allegato al decreto. L’elenco comprende anche tutte le attività dell’agricoltura, pertanto anche l’apicoltura.

Inoltre, a firma congiunta del Ministro degli Interni e di quello della Salute, è stata emanata un’ordinanza che vieta gli spostamenti al fuori del comune in cui ci si trova “salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute".

Comunque per tutti gli apicoltori, senza distinzioni fra chi produce per autoconsumo e chi per commercio, l’imperativo è STARE A CASA e, con le dovute protezioni e autocertificazioni, uscire per andare in apiario solo per motivate e reali esigenze connesse con l’attività.

Perciò prima di ogni uscita è necessario, con la massima sincerità e responsabilità, valutare l’effettiva inderogabilità della stessa tenendo sempre presente che la grave situazione richiede la collaborazione di tutti, ognuno per quanto di sua competenza.

In caso di uscita indifferibile, per le aziende apistiche, produttori per commercio con partita IVA si raccomanda di:

  • limitare a indifferibili esigenze lavorative gli spostamenti per accudire gli alveari aziendali, ivi compresi gli spostamenti dettati da esigenze di nomadismo;
  • portare per tutti gli spostamenti, e per ogni addetto, il modulo di autocertificazione da compilare e firmare in caso di controllo (lo trovate qui aggiornato al 26/03/20)
  • portare copia della documentazione che attesti la partita iva con codice apicoltura (certificato attribuzione P. IVA, visura camerale ecc.), ed una copia del documento riepilogativo delle postazioni estratto dalla BDA;
  • per chi lavora con dipendenti, copia del contratto di lavoro e/o lettera di assunzione che dimostri regolare rapporto di lavoro dipendente;
  • si raccomanda il rispetto di tutte le disposizioni sanitarie per limitare le forme di contagio da COVID-19, ivi compreso l’utilizzo di DPI (mascherine a norma e guanti) qualora sull’automezzo aziendale si viaggi in due o più persone e non si è in grado di rispettare la distanza minima di sicurezza, ovvero 1 metro.

Per gli apicoltori in autoconsumo, premesso che tale tipologia di attività apistica deve essere regolarmente registrata nell'Angrafe Apistica Nazionale ( BDA) con postazioni validate con il censimento 2019, lo svolgimento dell’attività apistica, conformemente a quanto indicato anche da parere richiesto al Ministero della Salute, rientra nella categoria delle attività essenziali dell’allegato 1, anche se non svolta con finalità commerciali, si raccomanda pertanto di:

  • qualora vi sia un’estrema ed indifferibile esigenza di gestire gli alveari regolarmente censiti in BDA, effettuare gli spostamenti da soli, portando il modulo di autocertificazione (lo trovate qui aggiornato al 26/03/20) da compilare e firmare in caso di controllo e la copia della documento riepilogativo delle postazioni quali risultano in BDA;
  • limitare il numero delle visite agli alveari alle sole inderogabili esigenze e pertanto cercare di concentrare le attività da svolgere in poche e non ripetute visite.

Per tutti: l’augurio di superare al più presto questo difficile momento.

 Il modello  allegato è la versione pdf compilabile dell'autodichiarazione aggiornata al 26 marzo 2020

Ultimo aggiornamento Venerdì 27 Marzo 2020 08:23
 


Pagina 2 di 31

Eventi & corsi

<< Settembre 2020 >> 
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
   1  2  3  4  5  6
  7  8  910111213
14151617181920
21222324252627
282930    

anagrafe apisticaOff 160x50

Previsioni Meteo

Api in Toscana