Arpat - Associazione Regionale Produttori Apistici Toscani

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME ARCHIVIO
E-mail Stampa PDF

apesaccheggioMeteo

Secco in tutta la regione; giorni fa l'abbassamento delle temperature e qualche nuvola aveva fatto ben sperare per qualche precipitazione di rilievo che di fatto non c'è stata. Le temperature sono attualmente in media stagionale e non sono previste piogge.

Fioriture

Oramai da giorni le fioriture sono terminate,  la totale assenza di  disponibilità di nettare e la mancanza di acqua sono estremamente preoccupanti.  Si segnala solo la presenza di melata sulle piante di eucalipto colpite dalla psilla. Ci si augura qualche precipitazione per sperare in  un po’ più di melata.

Produzioni

Salvo la maremma che sta vivendo un’annata molto negativa i raccolti post acacia ci sono stati e la stagione è stata in parte recuperata.

Nelle zone con presenza di castagno il raccolto si aggira sui 15 kg a arnia con punte di 20-30 kg nel Mugello e sotto l’Abetone;  tuttavia sia nel Valdarno inferiore che nel pesciatino le prime smielature di castagno hanno fatto registrare un miele macchiato da altre fioriture.

E’ stata raccolta melata in gran parte della regione ma in quantità che a malapena hanno raggiunto il melario pieno, meglio il tiglio che ha raggiunto punte di 30-35 kg ad arnia nel Mugello.

Sono  stati fatte  in genere discrete quantità di millefiori grazie alle fioriture di tiglio, rovo e  fiori di campo.

Stato delle famiglie

Il secco, il caldo e l’avanzamento della stagione hanno fatto diminuire drasticamente la deposizione di covata da parte delle regine, alcune famiglie appaiono vecchie e sono quasi in blocco naturale della covata. Viene da chiedersi se sia opportuno, nelle famiglie con un esigua quantità di covata, effettuare il trattamento con Apibioxal®  senza ingabbiare la regina e decidere di ingabbiarla e fare un secondo trattamento nel caso ci sia molta caduta di vorroa conseguente al primo trattamento.

Molti apicoltori stanno finendo di ingabbiare in questi giorni con le difficoltà dovute al forte saccheggio. In maremma E’ segnalata  un elevata  moria di regine in gabbietta. Chi ha ingabbiato qualche settimane fa e sta sgabbiando in questi giorni è soddisfatto della bassa percentuale di regine morte in gabbietta.

Share