Arpat - Associazione Regionale Produttori Apistici Toscani

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
HOME

180.000 euro per gli apicoltori toscani

E-mail Stampa PDF

contributbandGrazie all'attuazione del Regolamento (UE) n. 1308/2013 (che sostituisce il Reg. 1234 del 2007) e del Programma nazionale "Azioni dirette a migliorare la produzione e commercializzazione del miele per il triennio 2017-2019", sono disponibili nuovi fondi per l'apicoltura toscana.


Il bando è destinato agli apicoltori e forme associate che attuano nomadismo, sono detentori di partita Iva, sono in regola con la normativa vigente riguardante l'inizio attività e hanno comunicato alle Aziende USL il proprio censimento del patrimonio apistico.
Il contributo prevede un importo erogabile per beneficiario compreso tra 3.000 e 12.000 euro. Questi importi andranno a coprire una percentuale sugli acquisti così ripartita:
- Acquisto di arnie: 60%
- Acquisto macchine, attrezzature e materiali vari specifici per l'esercizio del nomadismo: 50%
- Acquisto autocarri per l'esercizio del nomadismo: 20%

Le domande di contributo devono essere presentate dai richiedenti tramite il sistema informatico di ARTEA dal 15 novembre 2016 al 15 dicembre 2016, pena l'esclusione.

Presso l'associazione i soci ARPAT possono ricevere tutta l'assistenza tecnica necessaria per la compilazione della domanda entro e non oltre venerdì 2 dicembre.

Clicca qui per informazioni più dettagliate sul bando, sulla normativa e sull'elenco completo delle attrezzature finanziabili.

Share